Soldi e capitale


Tempo fa scrissi un post in ci commentavo una nota di y aho news, in cui si consigliava di vendere oro per comprasi un golfino [https://caspiandepression.wordpress.com/2009/11/20/truffare-la-gente/]

Era il lontano 20 novembre 2009. Allora un oncia era sui 1150 dollari. A distanza di poco più di un anno (oggi 3 dicembre) l’oro è salito a 1400 dollari l’oncia. Oltre il 20% in un anno circa. Vai a fidarti di chi consiglia di vendere…oro e ….. argento.

Saluti

Advertisements

Sempre a proposito di riscaldamento globale, al gore, il porcone che allunga le mani sulle massaggiatrici degli hotel di lusso, quello che d”obbiamo fare qualcosa per salvare il pianeta e sprecare meno energia”, ecco, lui; beh,  è stato scoperto che la sua mega villona, situata vicino Nashville, consuma ogni mese, più di quanto una famiglia americana media consumi in un ANNO.

Nel 2006, gore has speso circa 221,000 kWh (oltre venti volte la media nazionale americana), con un conto di circa $1,359 al mese. Più di mille euro al mese solo per la corrente elettrica. Mentre per il gas, il signor gore èè stato più morigerato: la bolletta è stata di circa  $1,080 al MESE.

Alla faccia del risparmio energetico e del corredo di tassazione forzosa che ci vorrebbero imporre.

Ovvio che gore non ha risparmiato nel darci dentro con il riscaldamento in inverno, e con l’aria condizionata in estate e con…per la serie come combattere l’afa.

http:// http://www.tennesseepolicy.org/2007/02/al-gore’s-personal-energy-use-is-his-own-“inconvenient-truth/

La bufala del riscaldamento globale continua la sua corsa.

Lo scandalo del CRU East Anglia (qui), quello che avvea permesso di svelare tutta la bufala del riscaldamento globale (pretesto per tartassare i cittadini con tasse eco-verdi, per dare il via ad una nuova bolla speculativa sulle energie verdi, ect.) non conosce tregua. Dopo aver coinvolto professorini a dritta e manca (inclusi alcuni italiani, anche quello che due giorni a settimana vanno a fare le previsioni in TV su rai 3, dopo aver umilmente servito i militari della nato), qualcuno ha deciso  uno stop allo scandalo con tanto di commissione ‘indipendente’. Tale commisisone, capitanata dal personaggio notoriamente controverso come  muir russel (molto abile nello sperperare  denaro pubblico), ha stabilito che no, i poveri professorini non hanno truccato i dati sul clima.

Orgasmica reazione di molti meteorologi nostrani, e  di quel porcone di al gore (si, il nobel che fa la mano morta alle massaggiatrici degli hotel di lusso) nonché amministratore di società che con la truffa del riscaldamento globale (e con lo smercio e scambio di ‘buoni’ di anidride carbonica) ci ha fatto i soldi e vorrebbe, appunto, continuare a farceli.

Insomma, una truffa creata ad arte per far arricchire pochi eletti che con il carbon trade (commercio di buoni-permesso per inquinare) intendono farci soldi, tanti, tantissimi soldi.

Ma anche manipolare l’economia, togliendo le ultime briciole di  ricchezza ai poveri per darle ai ricchi.

Per esempio è stato stabilito che dal 2020 tutti i nuovi edifici dovranno essere ‘zero-energy’ (cioè a consumo energetico zero, insomma una casa passiva). Solo questi edifici saranno permessi, chi possiede case vecchiotte, si attaccherà al tram, perché la compravendita (e pure l’affitto) sarà permessa solo per le case a consumo zero. (per chi ha voglia la direttiva europea in question è qui: http:// http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2009_2014/documents/cls/cons_cons(2010)05386(rev3)_/cons_cons(2010)05386(rev3)_en.pdf

Quale sarà il valore di una casa che non può essere né venduta né comprata? Quale sarà il valore di una casa i cui proprietari (molto probabilmente) verranno massacrati dalle tasse, perché la casa non è “ecologica” e non rispetta vacui criteri di “risparmio energetico”?

Il 2020 è molto molto vicino.

Chi ha orecchi……

Vedere in prima pagina il titolone della stampa che dice: “Marchionne, in ballo ci sono 5mila persone” fa venire i brividi.
Marchionne che si preoccupa dei lavoratori? Marchionne che dice: “«Ci stiamo giocando la vita di 5.000 persone” ?!
Fulminato sulla via di damasco, il marchionne che dopo avere usato i soldi dei contribuenti italiani per fare il capitano coraggioso negli USA, aveva detto che “Termine Imerese non ha motivo di esistere”? che è” il mercato che decide”, e ha mandato a casa migliaia di persone senza battere ciglio?

La stampa, giornale della fiat, omette di spiegare al lettore i termini del ricatto,. Esatto ricatto perché marchionne dice: se non accettate le nostre condizioni , andiamo a produrre in polonia.
Ma quali sono le condizioni dell’accordo, ops, ricatto? Lo spiega Landini di Fiom:

1. l’azienda chiede di poter avere 120 ore di straordinario all’anno obbligatorie e da realizzare quando si ritiene più opportuno.

2. ci chiede di cancellare le pause previste sulle linee di montaggio, di portare a fine turno la pausa mensa, per utilizzare così la mezz’ora di mensa anche con straordinari per recuperi produttivi ogni qual volta l’azienda ne avrà bisogno.

3. Nel testo che ci hanno consegnato prima dell’incontro si parla di un sistema di sanzioni da applicare in caso di iniziative delle Rsu o dei sindacati, possibili iniziative di sciopero che verrebbero sanzionate con il non pagamento della malattia, il non pagamento dei permessi sindacali e con lettere di provvedimenti disciplinari nei confronti dei lavoratori che scioperano. In caso di approvazione di quell’accordo tutti i lavoratori sarebbero vincolati e quindi, magari in caso di sciopero, esposti a sanzioni che prevedono perfino il licenziamento.

4. La Fiat chiede completa mano libera e un peggioramento netto delle condizioni di lavoro e di vita.

5. Nel testo abbiamo contato almeno sei deroghe al contratto nazionale, più altre deroghe alle norme sulla sicurezza.

http://www.rassegna.it/articoli/2010/06/08/63399/pomigliano-fiom-non-si-tratta-sotto-ricatto

Il 20 novembre 2009 scrivevo un messaggio arrabbiato, su uno stupido articolo che consigliava di svendere l’oro posseduto per andare a fare shopping coi soldi ricavati (https://caspiandepression.wordpress.com/2009/11/20/truffare-la-gente/)

Ecco, 6 mesi dopo il prezzo dell’oro è aumentato ancora……per la serie: fare sempre il contrario di quello che i mainstream media consigliano

Ebbene ci siamo,
nel totale silenzio della stampa, TOTALE SILENZIO, sta passando in sordina la privatizzazione della sanità italiana.
Infatti, tremonti ha deciso un BLOCCO DEL TURNOVER DELL’80%, si OTTANTA 80%!!!
Cosa vuol dire? per ogni 10 medici che andranno in pensione, ne saranno rimpiazzati solo 2.
Quindi se un medico di base, per esempio, ha in cura mille pazienti, 10 medici ne avranno diecimila (10.000 mila a testa).
Quando i medici vanno in pensione, 2 nuovi medici ricopriranno il posto di tutti gli altri, quindi: diecimila pazienti per due medici: quanti pazienti per ogni medico?
Questo si applica a tutta la sanità, non solo ai medici di base, agli ospedali, ai centri diurni, ai piccoli pronto soccorso dei centri rurali.

Il servizio sarà parimenti ridotto dell’80%. Cosa vuole dire? Che ci saranno tante, tante cliniche private, tanti medici che inizieranno a praticare in privato a offrire il servizio che la sanità pubblica non offre più. Servizi che si potrenno avere SOLO pagando ovviamente e TANTO.

Perché nessuno ne parla?

Perché la sanità è un business, sono tanti soldi. E gli stessi signori che intendono tuffarcisi a pesce, e farci i quattrini, sono gli stessi che siedono nei consigli di amministrazione dei giornali e delle televisioni.
Non hanno interesse a parlarne, nessun interesse a che la gente sappia.

Nessuno si ricorda dello scandalo Angelucci, sulla sanità romana? Guarda caso quello stesso Angelucci prioprietario dei giornali: riformista e libero?

Carbon trading scheme: è questo il pezzo del puzzle che mette insieme i file usciti fuori dal CRU (il sedicente centro di ricerca dove sedicenti scienziati truffano i dati) a pochi gorni dagli accordi di Copenaghen, ad un anno dello scoppio della bolla immobiliare americana.

Ritorniamo al post precedente (https://caspiandepression.wordpress.com/2009/12/12/riscaldamento-globale-iii-quello-che-i-media-non-dicono-quarta-parte-parte/): la Shell è interessata a collaborare con il CRU, sempre che la collaborazione (che dovrebbe coinvolgere la sponsorizzazione di una tesi di dottorato studenti provenienti da paesi in via di sviluppo) riguardi: carbon emission trading scheme e CDM.

Iniziamo dal CDM
Allora: di cosa si tratta?

Il CDM (Clean Developing Mechanism) è un meccanismo per acquistare crediti per poter inquinare. Funziona cosi’ (da wikipedia):

-Un’azienda privata od un soggetto pubblico realizza un progetto in un paese in via di sviluppo mirato alla limitazione delle emissioni di gas serra (ad esempio, la ditta della presidente di confindustria, costruisce e mette in fuzione pannelli solari in un villaggio indiano, ndr).
– La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza la realizzazione del progetto (scenario di riferimento o baseline), è considerata emissione evitata ed accreditata sotto forma di CER (1 CER = 1 tCO2eq, tonnellate di CO2 equivalenti)
– I CER poi possono essere venduti o accumulati

Dove sta la truffa dietro a questo meccanismo?

Beh, prima di tutto non e’ detto che il progetto sia effettivo. Non sarebbe la prima volta, ce ne sono di progetti che in realta’ non vedeno mai la luce (come gli ospedali e le scuole fantasma che ENI avebbe dovuto mettere in piedi per compensare il delta del Niger dei disastri ecologici locali).

In secondo logo, l’investimento viene fatto in zone dove la produzione di gas ad effetto serra e’ praticamente nulla (paesi “in via di sviluppo” come recita la definizione). Quindi l’obiettivo di produrre meno gas serra in realtà rimane disatteso.

In terzo luogo, con questo meccanismo si compra diritto ad inquinare per pochi spiccioli. Costruire una centrale solare (per esempio) nel milanese, dove si producono molti piu’ gas serra del villaggio della foresta indiana, costerebbe assai di piu’. Quindi, le aziende inquinanti, con due soldi si liberano del fardello dei “debiti di carbone” e continuano ad inquinare alla grande.

Non solo, con investimenti furbi, e’ possibile raccogliere una grande quantita’ di crediti CER, e poi rivenderli (ad un prezzo…..fissato dal mercato….ossia a prezzo monopolio, visto come funzionano i nostri mercati).

Un esempio del disastro che questi progetti CDM provocano ai paesi in via di sviluppo è qui (http://www.pbs.org/frontlineworld/stories/carbonwatch/?utm_campaign=CarbonWatch&utm_medium=CarbonContext&utm_source=TreeImage).

I film ci mostrano una realtà drammatica: aziende altamente inquinanti come shevron, general motors, aep, hanno letteralmente comprato pezzi di foresta pluviale in brasile.

Gli alberi (che sono riserva verde) vengono preservati (cioè tenuti da parte da queste corporation) come ‘crediti’ per avere il dirtto ad inquinare.

L’acquisto non è stato diretto: una ONG ha comprato pezzi di foresta per conto delle corporation cosi’ da dare una bella imbiancata di rispettabilità ai ‘progetti’.

Non solo la stessa ONG è quella si occupa di gestire questi progetti, una gestione che ha assunto i contorni dell’incubo.

Le popolazioni locali (poverissime, che vivono molto umilmente in capanne e si nutrono di cosa offre loro la forsesta) sono state letteralmente buttate fuori da casa loro, e costrette con la forza a lasciare i loro villaggi.

Tirare giu’ un albero per mettere a posto la capannna, o per fare spazio per coltivare è diventato un reato. A casa loro.

Un corpo di polizia speciale pagato con i soldi delle corporation che han comprato i pezzi di foresta (la cosidetta polizia verde), terrorrizza, arresta ed uccide, affinché i pochi rimasti se ne vadano.

La cosa assurda è che il danno arrecato all’ambiente dai pochi che vi abitano è ridicolo: si tratta di villaggi piccolissimi composti da persone che usano le risorse della foresta per vivere e sopravvivere. Il loro impatto sull’ambiente circostante e’ praticamente nullo.

Cacciati dalle proprie case, emigrano verso i centri urbani dove ad aspettarli c’e’ disoccupazione, delinquenza, e prostituzione. Tutto questo perche’ le corporation possano conquistarsi pezzi di verde che dia loro il diritto di inquinare come e piu’ di prima.

Ecco a cosa serve il summit Copenaghen. A definire altre strategie per continuare in questo scempio.

Non a caso non si parla mai di inquinamento solido (scorie nucleari, liquidi e veleni, solidi tossici, etc.) si parla solo di anidride carbonica: sembra questo il vero mostro da combattere.

Fine prima parte

Next Page »