Insomma cosa ne sara’ di noi? L’economica migliora gridava tremonti quanlche settimana fa, …..no, l’economia non migliora, scrive oggi il sole24ore  (http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/11/crisi-economia-indizi-da-guardare_2.shtml)

I soldi (finanziati con le tasse dei cittadini) sono stati date alle banche (strozzate dai debiti che loro stesse avevano creato), miliardi di euro e dollari…il famoso bailout.

Che fine hanno fatto questi soldi? Se li sono tenuti le banche, cioe’ non sono andati a finanziare l’economia reale, il lavoro o i cittadini.

Senza liquido che circola nell’economia reale per fare investimenti, la crisi non si ferma. Non solo, con la crisi che morde e con il valore del denaro che e’ praticamente zero, i liquidi sono stati investiti in azioni ed oro (e petrolio). 

Quindi, i soldi pubblici, di chi paga le tasse, sono nuovamente finiti a finanziare bolle speculative nella borse.

Ma chi ha vigilato a questo scempio?

Non le banche centrali certo, che anzi hanno incendiato ancora di piu’ la crisi, elargendo denaro a dritta e a manca alle banche. Ma chi vigila sull’operato delle banche centrali?

Qualcosa si muove:  la notizia e’ gia’ stata ripresa da huffingtonpost: La FED sara’ sottoposta ad audit, cioe’ ad una revisione indipendente e comprensiva del suo operato.

Si legge sul sito di r. paul (uno dei promotori dell’azione legislativa) “Giovedi’ 19 novembre, 2009 dopo molte ore di acceso dibattito, l’emendamento Paul-Grayson (che si prefigge di condurre un’ispezione indipendente della banca centrale americana) e’ passato, ndr). L’emendamento e’ passato al posto di un emendamento alternativo ‘placebo’, proposto da un altro senatore.

Gia’, perche’ per contrastare l’emendamento di Paul-Grayson, e’ stato all’ultimo momento proposto un emendamento sostitutivo, che cercava di diluire il raggio d’azione dell’ispezione. Un emendamento fantoccio, che non avrebbe dato nessun potere reale di ispezione.

Ma non c’e’ cascato nessuno…e l’emendamento originale e’ andato avanti.

Ci saranno, in questi momenti, un bel po’ di telefonate convulse, balzi sulle sedie, bicchieri rotti, e urla incazzatissime in un bel po’ di lussuosi uffici  di questo pianeta.

Siamo tutti in trepidante attesa degli sviluppi futuri…(magari di vedere la notizia circolare sui media europei…..)

Advertisements