Quindi anche il sole24 ore specula sulle strane mosse intorno ad unicredit:

ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2008/
10/intesa-unicredit-giallo.shtml

Chissà forse è davvero una mossa interna, come pare abbiano speculato ieri sera da santoro (che non ho visto), una mossa nazionale per punire unicredit.

Oppure no. Forse sono i grandi pesci sparsi per il pianeta che si stanno accaparrando per due spiccioli le azioni unicredit.

O forse tutte e due le cose.

Intanto, c’è chi parla di buttare nel cestino le monete nazionali (o quelle sovranazionali come l’euro) per arrivare ad una sola moneta planetaria. Chi lo dice?

Non i soliti complottisti nostrani, ma Cnn. E se lo dice Cnn, allora non è complottismo, siamo alla fine del gioco. E la Cnn ci sta solo abituando all’idea. Sta ammorbidendo l’audience. Guardare per credere:

http://www.youtube.com/watch?v=hD_ZIs4zlDQ&eurl

Quindi non siamo neppure alla frutta, siamo all’ammazzacaffé.

Che la crisi globale (appunto, globale) sia la scusa per arrivare ad un simile abominio, forse non è un caso. Così come non è un caso, che mentre apriva wall street il fondo monetario internazionale abbia lanciato l’allarme: è recessione globale

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2008/10
/Fmi-recessione-globale.shtml

Notare come il direttore generale del FMI (massone che ha ottenuto il posto per aver fatto le scarpe a segolene royale, quando era membro partito socialista francese, ma questa è un’altra storia) abbia rimarcato la necessità di mosse comuni tese al sostegno del sistema finanziario (non alla crescita, non all’economia, ma più soldi alle banche, ancora bailout, alle spese dei contribuenti).

Attenzione, notare inoltre come alla notizia tutti si siano dati al panico. Strano però, mentre tutti invitano alla calma, il fondo monetario internazionale lancia un sasso così.

Non è un caso. Hanno preso la mira, e poi hanno lanciato.

Altro elemento preoccupante è l’uscita di berlusconi sulla chiusura dei mercati (cosa che la russia sta facendo), franceschini dice che avrebbe dovuto seguire l’esempio dei colleghi europei: operare in silenzio. Cosa c’è dietro quest’uscita? 

1. Silviolo ha perso i fagioli dalla sacca, si è fatto uscire qualcosa che non avrebbe dovuto dire, ma che è già deciso, o comunque è un’opzione possibile.

Del resto neppure wall street journal si stupisce della proposta:

http://blogs.wsj.com/economics/2008/10/10/should-global-stock-markets-shut-down-
to-cool-off/

Chiudere i mercati, e poi? Per quale ragione? Per lasciare il cerino in mano a chi?

2. Silviolo non ha perso nessun fagiolo, insomma non si è fatto scappare nulla, l’ha solo fatto apposta, così lunedì ci sarà l’ulteriore corsa del panico, quindi ancora più crisi, quindi accelerazione della crisi, corsa all avendita, corsa al panico.

Ancora sul sistema finanziario, ancora le parole dell’ennesimo disgraziato che parla di fuffa per prendere per il culo la gente: sempre dal sole24 “Italia, l’Fmi non crede che, «nelle attuali circostanze – ha detto l’economista Jorg Decressin – esista lo spazio per usare la politica di bilancio in funzione di stimolo all’economia. E, nella misura in cui si rendano disponibili risorse fiscali, sarebbe meglio utilizzarle per sostenere il settore finanziario, se e quando sarà necessario. Anche se l’esigenza di usare questi fondi non sembra essere una questione di grande attualità in Italia, per il momento».”

Ancora soldi alle banche, non all’economia reale. Ma se servisse altro c’è sempre la banca mondiale ed il FMI, ci sono sempre i debiti, cioè  c’è sempre spazio per fare la fine dell’Argentina.

E poi, tutte le maggiori banche centrali, a fare il taglio di mezzo punto lo stesso giorno la stessa ora; e poi, tutti i compagnoni del G7 che volano a Washington per decidere dei destini del mondo (anche la location non è casuale).

Ci sono tutti gli estremi per tornare sulle montagne.

Advertisements