Leggo sul manifesto che il presidente della repubblica, non l’ha presa proprio bene sul no degli irlandesi al trattato di lisbona. E chi altri se l’è presa??

Leggo dal manifesto.it: “Berlusconi si mostra invece preoccupato […] Frattini dichiara che «l’integrazione non può fermarsi» e invita a riprendere subito al strada, ma «evitando accelerazioni unilaterali»: l’Italia, dice, farà la sua parte. Il ddl di ratifica del trattato dovrebbe essere approvato dalle camere entro luglio. E Fini invita il governo a riferire in parlamento sulla strategia che intende adottare dopo il no irlandese. Più esplicite richieste di chiarimento […] arrivano dal Pd (Arturo Parisi e Maria Paola Merloni, ministra ombra alle politiche comunitarie), dall’ex ministra Emma Bonino e dai Verdi (Angelo Bonelli). Tutti allineati con la posizione di Napolitano i protagonisti della politica europea del defunto governo di centrosinistra: da Romano Prodi in persona […] all’ex ministro degli esteri Massimo D’Alema all’ex titolare dell’Economia Padoa Schioppa”. Insomma un po’ tutti sembrano preoccupati, tranne la Lega (calderoli brinda e chiede il referendum) e rifondazione comunista….Ma che strano melange di idee…rifondazione e la Lega. Che la Lega sia per sua natura non troppo europeista lo dimostra la sua linea federalista, in Italia. Figuriamoci se anela ad un’ammucchiata europea. Ma rifondazione? Ma non erano europeisti loro?

Leggo ancora sul manifesto.it, che in Irlanda “Il no ha fatto una grande campagna per esempio sui diritti dei lavoratori che con il trattato di Lisbona sarebbero stati seriamente compromessi, così come il potere e il primato dei servizi pubblici“.  Ahia

Ma sarà vero? Cosa dice il trattato? E soprattutto a quali principi si ispira?

Da wikipedia: “La Carta [dei principi fondamentali nota] è stata inserita come seconda parte della Costituzione Europea, in modo che quando questa fosse stata ratificata anche la Carta avesse assunto valore giuridico vincolante. Dopo il fallimento della ratifica della Costituzione si è aperto un dibattito sull’opportunità di inserire la Carta nel nuovo trattato. Nel Trattato di Lisbona si è deciso di inserire solo un articolo con un rimando esplicito alla carta: riferimento comunque sufficiente a rendere la Carta giuridicamente vincolante per gli stati membri dell’UE.”

E quindi,  a quali principi si ispira questa benedetta carta?

 

Advertisements