Ho letto un articolo sul candidato repubblicano alla presidenza mccain. A quanto pare, questo signore si oppone ad una legge che si propone di espandere i benefit alla formazione per i veterani: “the bill would hurt military retention by 16 percent and be a disincentive for service members to become noncommissioned officers, which he called “the backbone of all the services.”” Insomma, se il veterano ha la possibilità di accedere ad un’educazione superiore, il numero di quelli disposti a restare nei corpi militari come semplici sottufficiali sarebbe ridotto. Il che, ovviamente, non conviene.

Sempre sul sito della cnn c’è un articolo collegato, in cui un reduce si lamenta del raggiro di cui è stato vittima, proprio su questa questione: “I didn’t come back to the education I was expecting”. Insomma, le testimonianze riferiscono che i reclutatori promettono mari e monti, però: “They kind of sell you a dream, You think you’re going to get all of this stuff, and in reality, you don’t get that. I just kind of believed what my recruiter told me, which is not the truth”. Tutto questo non è nemmeno una sorpresa, si era già visto nel film di michael moore come i reclutatori usino false promesse per attirare giovani reclute.

Ti comprano con un sogno, tu ci credi, ti vendi, ammazzi e ti fai ammazzare, ma se tanto tanto sopravvivi e torni, ti ritrovi in braghe di tela. Ma in Italia non va meglio, ammazzare e farsi ammazzare in Afghanistan o in Libano in Iraq, per pagare il mutuo della casa, o chissà cos’altro.

Stragi in affitto a basso costo, ma il Vaticano non è che gridi anatemi. Forse si sono scordati qualche comandamento, magari il quinto.

Intanto, si rivedono le regole di ingaggio, si promette maggior impegno.

Armiamoci e partite

 

Advertisements