La notizia l’ho trovata sul post di grillo. Un link che rimanda ad un video su youtube che è andato in onda su SkyTv, credo.

Chissà se pure i TG della RAi l’hanno trasmessa.

Ad ogni modo, dopo una piccola ricerca, ecco la storia in sintesi.

Un gruppo di cittadini italiani (o forse un solo, chi lo sa) ha affittato uno spazio fra gli annunci dell’International Herald Tribune.

L’annuncio offre ambiti posti di lavoro nel parlamento e governo italiani.

I requisiti richiesti sono ridicoli: essere *anche solo* marginalmente onesti, non avere particolari competenze, anzi non avere competenze è perfettamente OK, rendersi disponbili a partecipare a talk hows, per cantare con le soubrettes.

I vantaggi però non sono male: salari molto competitivi (fra i più alti del mondo), immunità, alloggio in un esclusivo quartiere del centro romano, possibilità di sistemare amici e parenti in posti di lavoro di spicco, una volta eletti.

La notizia ha fatto il giro del mondo.

General Positions Available
Group of Italian Citizens is desperately seeking fairly/ marginally honest politicians to run in the next political elections for the Italian parliament.
The salary is extremely competitive (among the highest in the world) and countless “beyond the imagination” benefits are included. Immunity from prosecution is also guaranteed.
Once elected, the candidate may bring along friends and relatives who will be offered positions as top level state administrators or directors of a national TV network.
Job location is in one of the most exclusive neighborhoods in the heart of Rome (walking distance from Piazza Navona).
No particular skills are required (in fact, having no skills at all is perfectly OK). No actual work is requested, except appearing on TV talk shows, where politicians are not supposed to answer questions, but are invited to join well known soubrettes and sing along popular themes.
Candidates should contact Lucrezia Marforio rescue.italy@gmail.com.

All’estero si sono fatti le solite 4 risate, ma mica tanto. Basta sentire la BBC per rendersi conto che la storia è amara.

Advertisements